Cividale del Friuli

[ENGLISH VERSION BELOW]

Cividale è una delle città più caratteristiche e più antiche del Friuli Venezia Giulia. Nacque sotto l’Impero Romano, ma assunse sempre importanza durante la dominanza Longobarda. Uno dei suoi luoghi più caratteristici, nonché simbolo della città, è il Ponte del Diavolo (Puìnt dal Diàul). La sua costruzione, interamente in pietra, iniziò a partire dal 1442. Il ponte è ripartito in due arcate, poggia su un macigno naturale collocato nel letto del fiume Natisone, lungo il quale si può ammirare una scenografica gola. È alto 22,50 m, poggia su tre piloni sviluppandosi per 48 m su due archi di larghezza differente (22 m e 19 m). L'asimmetria è dovuta alla posizione del masso su cui poggia il pilone centrale.

Il nome del ponte deriva da una leggenda popolare, alimentata verosimilmente dalle tormentate vicissitudini costruttive del manufatto: si dice che per costruire il ponte i cividalesi avessero chiesto aiuto al Diavolo. Questi avrebbe preteso in cambio l'anima della prima creatura che fosse passata sul ponte. Accettato il patto, in una sola notte il Diavolo eresse il ponte, ma la mattina seguente i cittadini fecero passare sul ponte un animale (o un gatto o un cane o, addirittura, un maiale). Il Diavolo così beffato, dovette accontentarsi dell'anima dell'animale, lasciando per sempre in pace i cividalesi.
Secondo un'altra versione molto diffusa, il diavolo si sarebbe limitato a semplificare la costruzione dell'opera collocando la grossa pietra su cui poggia il pilastro centrale del ponte.

 

[ENGLISH VERSION]

Cividale is one of the oldest and most characteristic cities in Friuli Venezia Giulia. It was born under the Roman Empire, but it gained more and more importance during the Longobard rule. Ponte del Diavolo (in Friulian dialect "Puìnt dal Diàul") is considered one of the most characteristic places and symbols of the city. Its construction, entirely in stone, began in 1442. Being based on a natural boulder placed in the riverbed of Natisone, the bridge is divided into two arches along which you can admire a spectacular gorge. It is 22.50 mt high, rests on three pylons and stretches for 48 mt on two arches of different width (22 mt and 19 mt). The asymmetry is due to the position of the rock on which the central pylon rests.
The name of the bridge derives from a popular legend, likely fueled by the tormented construction accidents of the building. It is said that in order to build the bridge, the inhabitants of Cividale had asked the Devil for help. In return, he would have demanded the soul of the first creature that would have passed on the bridge. Once the citizens accepted the agreement, in one night the Devil erected the bridge. However, the morning after they made an animal walk on the bridge (probably a cat, or a dog, or even a pig). The Devil had been mocked and he had to be satisfied with the soul of the animal, leaving the citizens of Cividale in peace forever.
According to another popular version, the devil would have limited himself to simplifying the construction of the work by placing the large stone on which the central pillar of the bridge rests.