[ENGLISH VERSION BELOW]

Piazza Libertà è la piazza più antica della città di Udine, ed è considerata la più bella piazza veneziana sulla terraferma. Sulla colonna si può vedere il leone di San Marco, simbolo della Repubblica di Venezia. La fontana fu costruita nel 1542 da Giovanni da Udine assieme a quella di Piazza San Giacomo, mentre la Loggia di San Giovanni, adiacente alla collina del Castello, risale sempre al XVI secolo ed è ispirata allo stile del celebre architetto Filippo Brunelleschi.

Potrete aver vissuto a Udine per decenni, averci passato una settimana in gita alle superiori o magari averla visitata solo per un pomeriggio durante la leva militare: insomma, purché siate stati a Udine una volta nella vostra vita, conserverete un ricordo molto variopinto di questa piazza e un grande desiderio di ritornarci. Da alcuni è definita ‘la più bella piazza veneziana sulla terraferma’; quel che è certo è che si tratta di uno degli scorci più belli del Friuli. Piccina e raccolta, Piazza della Libertà era già nel Medioevo un vivace centro di scambio: si commerciava in particolare il vino, tant’è che un tempo era conosciuta come ‘Piazza del Vino’. Ma è il periodo veneziano che ha lasciato più tracce: fu infatti con l’arrivo della Serenissima che la piazza si impreziosì maggiormente, e in un secolo fu più volte ingrandita. Nel 1457 venne costruita la magnifica Loggia del Lionello, per ospitare il comune (Lionello è il nome dell’orafo che la progettò): è composta da un porticato vicino alla tradizione del gotico veneziano, in pietra bianca e rosa, che sorregge un magnifico edificio di cui potrete ammirare le finestre ad archi trilobati. La semplicità è la sua arma vincente e se vi posizionate al centro dell’atrio potrete scattare fotografie magnifiche praticamente in ogni direzione. Quando in città fa caldo, vedrete parecchi giovani sotto il porticato, appisolati tra gli scalini, che ripassano la lezione o chiacchierano. Di fronte, dall’altra parte della Piazza, c’è un’altra loggia: la cinquecentesca Loggia di San Giovanni, dagli archi a tutto sesto, che nel Medioevo era connessa al castello. Ospita la cappella dedicata ai caduti per la patria ed è sormontata dalla Torre dell’Orologio, che nel Medioevo era connessa al castello. In cima noterete i due mori che battono le ore. Al centro della piazza ci sono anche la Fontana del Carrara, di epoca rinascimentale, e la colonna con il Leone di San Marco, eretta nel 1539. Nella piazza, su di un podio, c’è la Statua della Pace, in stile neoclassico, donata da Francesco I d’Austria per ricordare il Trattato di Campoformio. Accanto vedrete un’altra colonna che regge la Statua della Giustizia, il cui sguardo è rivolto verso l’interno della Loggia del Lionello, dov’era la Sala Consiliare del Comune, come un monito per gli amministratori. Nella piazza si trovano altre due sculture seicentesche, quelle di Ercole e Caco, meglio noti in città come Florean e Venturin.

 

[ENGLISH VERSION]

Piazza Libertà is the oldest square in Udine and it is considered the most beautiful venetian square on the mainland. Upon the column you can see the lion of San Marco, symbol of the Republic of Venice. The fountain was built in 1542 by Giovanni da Udine along with that one in Piazza San Giacomo. Whereas the Loggia di San Giovanni, close to the Castle, goes back to the 16th century and is inspired by the style of the famous architect Filippo Brunelleschi.
 
You may have lived in Udine for decades, having spent a week on a trip during high school or maybe having visited the city only for an afternoon during military service, but you will always keep a colorful memory of this square and you will eagerly desire to come back. Someone calls it 'the most beautiful Venetian square on the mainland'; anyway, what is certain is that it is one of the most beautiful views of Friuli. Piazza della Libertà was already a lively center of exchange in the Middle Ages. In particular, wine was traded, so much that it was once known as the 'Piazza del Vino', literally the square of wine. However it is the very Venetian period that left the most traces. In fact, thanks to the arrival of the Serenissima, the square became more enriched and in one century it has been enlarged several times. In 1457 the magnificent Loggia del Lionello was built in order to house the municipality (Lionello is the name of the goldsmith who designed it). It is composed of a portico, in white and pink stone, made according to the Venetian Gothic tradition, that holds a magnificent building of which you can admire the trilobed arches and windows. Simplicity is its winning weapon and if you stand in the middle of the atrium you can take beautiful pictures in virtually every direction. When the weather is hot, you'll see a lot of young people on the porch, dozing on the steps, going over the lesson or chatting. On the other side of the square there is another type of loggia: Loggia di San Giovanni, characterized by round arches. It dates back to the 16th century and in the Middle Ages it was connected to the castle. It houses the chapel dedicated to the fallen for the homeland and is surmounted by the Clock Tower. At the top you will notice the two Moors who beat the hours. At the center of the square there are also the renaissance Fontana del Carrara and the column with the Lion of San Marco, erected in 1539. In the middle of the square, upon a podium, there is the Neoclassical Statue of Peace, donated by Francis I of Austria to commemorate the Treaty of Campoformio. Next, you can see another column that holds the Statue of Justice, whose gaze is turned to the Loggia del Lionello, where there was the Council Chamber of the city, conveying a kind of warning to the administrators. In the square there are two other seventeenth-century sculptures, the ones of Ercole and Caco, better known in Udine as Florean and Venturin.