[ENGLISH VERSION BELOW]

Piazza Primo Maggio si trova ai piedi del Castello di Udine ed è la più grande piazza del capoluogo friulano. Sull’origine della piazza ci sono diverse leggende, una delle quali narra che Attila abbia ordinato ai suoi soldati di erigere un alto colle da cui potesse ammirare l’incendio di Aquileia, dove oggi sorge il Castello. Il risultato degli scavi diede origine ad una depressione, dove oggi si erge la piazza. Questa depressione agli albori della città raccoglieva le acque delle rogge. Un’altra leggenda narra che nei tempi antichi la piazza era un grande lago dove al centro di esso viveva un enorme mostro che divorava i cittadini friulani. Un giorno giunse un abile guerriero, che uccise il mostro e liberò il popolo friulano dall’orrida creatura; si tramanda che una costola dell’orribile mostro sia conservata presso il convento della Madonna delle Grazie. La grandezza e la bellezza della piazza Udinese è talmente elevata che è anche citata nella quinta novella del Decamerone del famoso scrittore Boccaccio. In realtà Piazza Primo Maggio all’inizio era un piccolo acquitrino che gli antichi abitanti udinesi hanno cercato di bonificare e pian piano da luogo umido usato come cloaca pubblica divenne un luogo dove mercati, fiere e spettacoli prendevano vita. Oggi Piazza Primo Maggio è il luogo dove avvengono la maggior parte delle fiere e dei mercati nel capoluogo friulano.

 

[ENGLISH VERSION]

Piazza Primo Maggio is located at the foot of the Castle of Udine and is the largest square in Udine. There are several legends about its origin. One of them says that Attila ordered his soldiers to erect a high hill from which he could admire Aquileia bursting into flames, where today there is the Castle. The result of the excavations gave rise to the depression where today the square stands. In the very early stages of the city, this depression gathered the waters of the brooks. Another legend tells that in ancient times the square was a large lake where in the middle of it lived a huge monster that used to devour citizens. One day a skilled warrior arrived, killed the monster and freed people of Friuli from the horrid creature. Moreover it is handed down that a rib of the horrible monster is kept at the convent of "Our Lady of Grace". The grandeur and beauty of the Piazza is so high that it is also mentioned in the fifth novel of the Decamerone, by the famous writer Boccaccio. Actually, Piazza Primo Maggio at the beginning was a small swamp that Udine’s ancient inhabitants tried to remediate. Gradually from a damp place used as a public cloaca it became a place full of markets, fairs and shows. Today Piazza Primo Maggio is the place where most of the fairs and markets take place in Udine.